Montacarichi, tipologie e usi

Il montacarichi è un macchinario destinato al sollevamento e alla manovra di carico e di scarico: questo tipo di operazioni comportano obblighi per chi lavora e per chi gestisce l’impianto che partono dalle istruzioni date ai dipendenti e arrivano fino alle misure di sicurezza da prendere come precisamente indicato dalla legge.

Personalizzabili, sicuri, resistenti e performanti: sono questi gli aggettivi che possiamo utilizzare per definire le caratteristiche tecniche di questi dispositivi che si dimostrano affidabili negli ambienti lavorativi, forti in funzione del carico, funzionali perché assicurano traffico elevato e consumi ridotti fornendo le prestazioni migliori. I montacarichi sono affidabili e rappresentano una soluzione per tutte le esigenze: attività commerciali, industrie, privati, centri commerciali, grazie a questi impianti la movimentazione delle merci fra i vari piani diventa più semplice.

Quando ‘è la necessità di spostare persone e cose ci si avvale dell’aiuto dei montacarichi proprio perché dispongono di elevate capacità di carico e per questo soddisfano ogni tipo di esigenza di movimentazione di prodotti, merci e attrezzature. La gamma di varianti di questi impianti è ampia e dimostra caratteristiche e peculiarità differenti in base all’utilizzo: ci sono due macro tipologie di montacarichi che si differenziano per il funzionamento e l’applicazione e sono quelli oleodinamici e quelli elettrici.

I primi sono i più utili nella movimentazione industriale, con ampie capacità di carico e portate elevate (le velocità sono ovviamente contenute, a causa del peso che devono trasportare), i secondi sono più simili agli ascensori in quanto a funzionalità e quindi hanno portate inferiori ma sono particolarmente veloci e sono in grado di superare dislivelli di più piani.